L’albero delle mele di Amanda Coplin

0
94
L'albero delle mele di Amanda Coplin - CopyBlogger

L'albero delle mele di Amanda Coplin - CopyBloggerL’albero delle mele di Amanda Coplin: un uomo, un frutteto e due donne in fuga. Da cosa? Da chi?

Poco prima che il tifone si abbattesse su Cagliari, ero in giro per i negozietti dell’usato in cerca di libri. Per la seconda volta m’imbatto in L’albero delle mele di Amanda Coplin, si vede che doveva esser destino e quindi decido di acquistarlo.

L’albero delle mele di Amanda Coplin

Poi arriva il tifone e nel calduccio della mia camera decido che finalmente posso iniziare questo romanzo che tanto m’aveva attirato.

Un po’ è stata l’atmosfera ad attrarmi: a fine dell’ottocento, una casa in mezzo alla campagna circondata da un frutteto, una vita semplice. Ma, sotto sotto, c’è di più.

Amanda Coplin tesse la vita di un uomo tormentato da un mistero, che incontra due creature in fuga. Solitudine, pietà, generosità, diffidenza sono i colori che l’autrice usa per dipingere le situazioni e le vite dei protagonisti. Non solo: ci sono rabbia, desolazione, paura e malinconia. Sentimenti atavici che comportano l’intreccio delle storie dei protagonisti. Il quadro agricolo, tema fondamento del libro, a tratti si fa da parte per lasciar spazio agli eventi (inevitabili?) di cui gli esseri umani nel libro si rendono protagonisti. Due punti di vista raccontano in modi diversi sprazzi di questa storia.

Il mio parere è che si tratti di un libro che alletta la prospettiva ma che non appaga fino in fondo, risulta ogni tanto monotono e tedioso, la Coplin non riesce ad inserire momenti avvincenti ed emozionanti e tutte le vicende, anche le più tristi, risultano livellate e viste in modo freddo, distaccato.

Voto: 5.

L'albero delle mele di Amanda Coplin - CopyBloggerL’albero delle mele di Amanda Coplin: trama

William Talmadge è un uomo pacifico, si prende cura dei suoi frutteti ormai solo, dopo la morte della madre e del padre e la scomparsa della sorella. Questo tormenta l’agricoltore: sua sorella Elsbeth sparì nel nulla, inghiottita dal bosco. Talmadge non l’ha mai dimenticata e non si da pace circa cosa possa esserle successo.

Un giorno al limite del frutteto arrivano due ragazze, giovani, gravide e con una luce selvaggia e diffidente negli occhi. Talmedge da loro da mangiare e le due ragazze iniziano a considerare il frutteto una sorta di riparo dalla loro fuga, anche se non si avvicinano mai all’uomo. Alla fine lui decide di saperne di più e la verità lo sconcerta.

Sebbene Talmedge sia prudente, il passato delle ragazze ritorna prepotente ma non si tratta solo di questo, c’è anche un futuro incredibile che attende Talmedge e gli sconvolge la vita.

Esprimi la tua opinione!!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

diciassette − undici =