Recensione Libro: “ Tre uomini in barca ” – di Jerome K. Jerome

Tre uomini in barca

Recensione Libro: “ Tre uomini in barca ” – di Jerome K. Jerome - CopyBloggerNon credo di essermi mai divertito tanto leggendo un libro, se non con i romanzi del compianto Terry Pratchett.

Ho sfogliato le poco più di duecento pagine di questo romanzo con un sorriso costantemente stampato sul viso.

I protagonisti sono tre uomini (per non parlare del cane, citando l’autore) che decidono di trascorrere un paio di settimane in barca sul Tamigi, allontanandosi dalla modernità per riprendere contatto con la natura.

Scopriranno ben presto che, da uomini moderni, non sono in grado di cavarsela facilmente in quella natura tanto agognata, trovandosi coinvolti in rocambolesche avventure.

Non vi aspettate, tuttavia, alcun colpo di scena o la descrizione di chissà quali mirabolanti avvenimenti.

Questo è un romanzo costruito come un collage di piccole scenette, arricchito dai ricordi dei protagonisti e da situazioni ai limiti del non senso.

Il tutto viene descritto con un’ironia fine, leggera, mai sopra le righe e del tutto priva di qualsiasi volgarità, della quale si sente tanto la mancanza leggendo molti dei libri degli odierni comici.

Splendide descrizioni paesaggistiche e inframmezzi poetici arricchiscono questa grandiosa opera, che appare valida non solo dal punto di vista umoristico, ma anche da quello squisitamente letterario.

Tre uomini in barca riassunto, è un romanzo che, pubblicato per la prima volta nel 1889, supera alla grande la prova del tempo, collocandosi di diritto fra i grandi capolavori della letteratura.

Voto – 10 con lode

Recensione Libro: “ Tre uomini in barca ” – di Jerome K. Jerome - CopyBloggerVisita il sito di Penna Acida!

Trama Libro: “ Tre uomini in barca ” – di Jerome K. Jerome

Risalendo la corrente del fiume Tamigi i tre amici Jerome (“J.” voce narrante), Harris (l’uomo più prosaico della terra) e George (che «va a dormire in una banca tutti i giorni dalle 10 alle 16, tranne il sabato quando lo cacciano fuori alle 14»), assieme al fedele cane Montmorency, viaggiano per giorni sulla loro imbarcazione, sfilando lungo le campagne inglesi e vivono sempre nuove ed inattese avventure che strappano risate di continuo. Il viaggio è costellato da una serie di gag comiche sulle gioie e sui dolori della vita in barca (quali le peripezie sul trasporto delle vivande, la costruzione della tenda sulla barca, i pericoli di cadute in acqua), unite a divertenti divagazioni che costituiscono storie a sé stanti, nel miglior stile dello humour inglese: celeberrimo è il racconto dello zio Podger alle prese con un quadro da appendere. Il tutto condito da descrizioni realistiche delle regioni attraversate dalla simpatica brigata e brevi notazioni di filosofia per non addetti ai lavori.

Fonte Wikipedia

Ancora nessun voto.
Please wait...

Autore: CopyBlogger

Condividi l’articolo sui Social!!